Astronauta della ISS fotografa un enorme spettro rosso nel sud del Messico

spettro rosso
Un astronauta della NASA ha catturato dalla Stazione Spaziale Internazionale questa splendida immagine che mostra un vasto e misterioso spettro rosso generatosi nel cielo notturno sopra il Messico meridionale.
Come riportato dal portale Discovery News, questo splendido fenomeno catturato nella notte del 10 agosto 2015 mostra una vista orbitale di una serie di temporali in atto sopra le sottostanti città illuminate del centro america. 
Ma oltre al forte fulmine, sul lato destro dell’immagine si può notare un gruppo di bagliori rossi e viola che aumentano d’intensità fino a generare un lampo blu-ray.
Secondo gli scienziati, lo spettro rosso in questione è da attribuirsi a brevi lampi che normalmente appaiono come rossi tentacoli ramificati sopra l’area dove si è abbattuto un fulmine molto forte. Queste scariche elettriche possono estendersi fino a 90 chilometri d’altezza nell’atmosfera e circoscriversi in una regione molto luminosa intorno ad altitudini di 65-75 chilometri.
Da tenere presente che gli spettri rossi non durano a lungo, solo tra i 3 e 10 millisecondi al massimo, per immortararli con la fotocamera diventa un’impresa ardua, come in questo caso, visto che il fenomeno è stato catturato accidentalmente da un astronauta a bordo della ISS.

Fonte di riferimento:extranotix

65 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati