Attivita’ extraterrestre attorno alla stella KIC 8462852

KIC 8462852
Recentemente, la stella chiamata KIC 8462852 localizzata proprio sopra la via Lattea, tra le costellazioni del Cigno e della Lira, e’ entrata a far parte delle notizie più gettonate dalle agenzie di stampa e sui motori di ricerca come GOOGLE attraverso il quale digitando le parole chiave “alieno”, “civiltà extraterrestre” e “sfera di Dyson” appare subito una lunga lista di articoli che parlano di una strana anomalia rilevata in prossimità della stella. 
Evidentemente questa volta l’interesse dei media per questo oggetto spaziale è davvero giustificato per via della stranezza del fenomeno.  Da premettere che la stella KIC 8462852 si trova a una distanza di circa 1.480 anni luce dalla Terra. 
La massa della stella è circa 1,5 volte maggiore rispetto a quella solare e la sua età approssimativa finora è discutibile, nonostante che gli astronomi sono convinti che la stella potrebbe essere molto vecchia . 
KIC 8462852 è una delle stelle che sono state studiate attraverso il telescopio “Keplero” progettato per individuare pianeti extrasolari con il metodo del tracciamento del transito dei corpi celesti che con il loro movimento determinano delle alterazioni nella luminosità delle stelle che si verificano quando un pianeta transita davanti a loro.
Nello studio di KIC 8462852, il telescopio “Keplero” e’ riuscito a rilevare la variazione della sua luminosità che è risultata essere molto diversa da qualsiasi delle 150.000 stelle, studiate in precedenza. In primo luogo, questi cambiamenti sono irregolari e si verificano a diversi intervalli di tempo .
L’anomalia luminosa ruota intorno al corpo della stella provocando la riduzione della luminosità a intervalli regolari. 
In secondo luogo, questi cambiamenti sono evidenti visto che l’offuscamento della stella si e’ verificato dal 788-esimo al 795-esimo giorno di osservazione mentre la fase massima è stata del 15%. Anche il più grande esopianeta potrebbe provocare una diminuzione di luminosità, costituendo solo una piccola percentuale visto che sono molteplici la cause che avrebbero potuto provocare il fenomeno. 
In linea di principio, i cambiamenti della luminosità sono simili a quelli osservati in una giovane stella quando viene circondata da un alone caratterizzato da polvere e detriti, particolare questo che non dovrebbe riguardare la stella CCI 8.462.852. 
Un grande impatto tra i pianeti come quello che si crede abbia potuto dare origine alla Luna avrebbe portato alla formazione di una massiccia nuvola di detriti in grado di oscurare la luce delle stelle, un evento questo che non avrebbe niente a che fare con la stella CCI 8.462.852. Il team ha anche escluso la possibilità che le variazioni di luminosità siano da attribuirsi a processi interni alle stelle o alle macchie solari. 
Dopo aver ricontrollato i dati forniti da “Keplero” è stata anche eliminata la possibilità di un guasto del telescopio visto che i cambiamenti osservati sono stati riscontrati in altre osservazioni .Fonte di riferimento:earth-chronicles.ru
51 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati