C’è una base aliena all’interno della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko?

Lander Philae  Rosetta

La ricostruzione fatta da un artista mostra la sonda Rosetta mentre rilascia il lander Philae sulla cometa 67P (Foto: Reuters)
Il fatto che una strana trasmissione radio sembra provenire dall’interno della cometa che ricorda il suono metallico provocato dall’apertura e chiusura delle mascelle di un Predator ,sta alimentando le fantasie dei teorici della cospirazione, proprio adesso che Rosetta sta per scaricare sulla cometa il lander Philae .
Cinque motivi percche’ l’asteroide non è quello che sembra 
Nigel Watson, autore del manuale investigativo Haynes afferma che ci sono cinque principali “teorie” su ciò che la roccia potrebbe davvero essere. 
Per tutti gli appassionati di UFO, l’idea che la cometa potrebbe essere solo un pezzo di ghiaccio è assurda e francamente credere a un evidente insabbiamento diventa noioso. Ecco quello che credono davvero gli appassionati e i teorici della cospirazione.La foto scattata lo scorso mese di settembre raffigurante uno strano oggetto circolare dall’aspetto metallico che sembra sorvolare la superficie della cometa ha portato i membri più qualificati della comunità UFO a concludere che all’interno dell’ asteroide distante 300,000 miglia dalla Terra si potrebbe nascondere una sorta di area di sosta utilizzata dalle navicelle aliene. 
La NASA sta occultando segretamente una base aliena? 
Un blogger ha suggerito che l’unica ragione per lo sviluppo di questo multimilionario progetto era quella di cercare altre forme di vita aliena o addirittura un tentativo per avere un contatto con una civilta’ avanzata, in quanto non aveva senso spendere così tanti soldi solo per visitare una roccia insignificante , ha dichiarato Watson. 
Sul perché un turista alieno dovrebbe sprecare 4 miliardi anni solo per rimanere seduto all’interno di un grumo informe di ghiaccio è un’altra questione .

Fonte di riferimento: Rob Waugh per Metro.co.uk

18 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati