Continua la preoccupante messa in orbita di satelliti spia

Atlas V
Il 7 ottobre 2015 alle ore 04:13 UTC La Cina ha lanciato il razzo Long March CZ-2D dal complesso (SLS-2) del centro spaziale di Jiuquan che gestisce l’osservazione satellitare della Terra attraverso i satelliti Jilin 1 LQSat, e Lingqiao A e B. 
L’orbita iniziale era di 640 x 664 km con 98º d’inclinazione. 
Il satellite Jilin-1, 530 kg, era il carico principale del vettore, mentre il resto era caratterizzato da altri piccoli satelliti. 
Il LQSat è un micro satellite da 45 kg munito di una fotocamera con una risoluzione di 5 mpx, mentre gli altri due satelliti Lingqiao di 95 kg ciascuno hanno una risoluzione di 1,3 metri. 
Questo è stato il decimo lancio orbitale eseguito dalla Cina nel corso del 2015.
Il satellite AeroCube-7
Pochi giorni dopo, e precisamente l’8 ottobre 2015 alle 12:49 UTC la società ULA (United Launch Services) ha lanciato il razzo Atlas V 401 dalla rampa SLC-3E presso la base dell’Air Force di Vandenberg, in California, dalla quale si dava inizio alla missione AV-058. L’onere principale era di posizionare in orbita i due satelliti militari segreti NRO (NationalReconnaissance Office), chiamati NROL 55, US 264 o 11 Intruder. 
Accanto al sistema satellitare NROL 55 sono stati messi in orbita anche 13 satelliti CubeSat
Ecco l’elenco degli oggetti che orbitano sopra le nostre teste. 
AeroCube-5c, AeroCube-7, Snap-3 ALICE, EDDIE SNAP-3, SNAP-3 JIMI, PropCube 1 e 2-D Sinodo 1 e 2, ARC-1 (Alaska ricerca CubeSat 1) BisonSat, AMSAT Fox-1 e LMRST-Sat (Low Mass transponder Radio Satellite). 
Questo è stato il settimo lancio di un Atlas V ad essere stato portato a termine nel 2015 e il secondo in meno di sei giorni. 
L’orbita iniziale era 1013 x 1200 km con un angolazione di 63º .
L’ Intruder-11 (USA 264 o NROL 55) sono una coppia di satelliti militari adibiti alla sorveglianza e intelligence elettronica (SIGINT e ELINT) mentre il sistema NRO è finalizzato a localizzare veicoli, navi, sottomarini e aerei attraverso i loro segnali radio. I due satelliti sono chiamati informalmente Intruder 11A e 11B e si trovano in un’inclinazione orbitale di 63º. Questa coppia dovrebbe sostituire i due Intruder lanciati nel mese di luglio 2005. 
Le loro caratteristiche sono top secret, ma si ritiene che la massa di ciascuna coppia è di circa 6500 kg. 
Fino a poco tempo fa questi satelliti erano conosciuti con il nome non ufficiale NOSS-3 (Naval Ocean SurveillanceSystem), anche se nel 2013 i documenti disgiunti rilasciati da Edward Snowden hanno rivelato che il vero nome del programma era Intruder. Gli attuali Intruder sono di seconda generazione e dovranno sostituire quelli di prima generazione della serie (NOSS-1) e Intruder (NOSS-2 Intruder 1-4). 
A differenza di questi gruppi di tre satelliti del sistema Intruder sono progettati per orbitare a coppie e in formazione triangolare in modo da affinare la ricezione dei segnali provenienti dai suoi obiettivi. Nel mese di agosto 2007 i due Intruder non hanno raggiunto l’orbita stabilità per via del da fallimento del suo lanciatore. La prossima coppia di Intruder, Intruder 12, dovrebbe decollare nel 2017. 
La Cina ha un sistema simile ed è costituito da tre satelliti Yaogan, ognuno dei quali e’ stato posizionato in un’orbita separata l’una dall’altra. Finora la Cina ha condotto con successo cinque lanci di questi satelliti spia.
Fonte di riferimento:danielmarin.naukas
73 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati