Gli Dei con le corna

 
peoplegodswithhorns zeus 
Le corna, a parte quella degli arbitri, rappresentano il potere primordiale della natura, esprimono la forza inarrestabile e la maestà visto che nel corso della storia umana sono state sinonimo di queste doti sovrumane .
Le Divinità di animali cornuti hanno svolto un ruolo significativo nelle prime civiltà del mondo antico, dove il potere, e i misteri degli dei sumeri ed egiziani rappresentati da tori oro dei Sumeri sono stati trasmessi nelle civiltà del mondo antico.  Vedere delle corna sulla testa di una persona non è uno spettacolo molto comune ai giorni nostri.  Eppure, questo strano fenomeno occasionalmente sembra verificarsi anche ai giorni nostri per cui non è da attribuirsi esclusivamente alle leggende tramandate in tempi antichissimi. 
E’ infatti possibile trovare antiche raffigurazioni di divinità o personaggi famosi, tutti accomunati da strane corna. Basta citare la famosa statua del Mosè di Michelangelo a San Pietro che raffigura il profeta con una canuta testa sulla quale spiccano in bella vista due vistose corna simili a bernocoli .
Alcuni studiosi hanno sostengono che le corna di Mosè è un’interpretazione errata e quindi dovrebbe essere tradotta non come un personaggio “cornuto”, ma come l’estasi divina. Tuttavia, gli esperti come per esempio il dottor Taylor Marshall difende con forza la teoria del Cornuto Mosè scolpito da Michelangelo affermando che la traduzione e l’interpretazione dei sacri sacri testi è corretta. Inoltre su antiche monete greche anche Alessandro Magno fu ritratto con due corna.  Un’antica leggenda dalla Siria racconta che Alessandro Magno aveva delle corna sulla testa mentre una variante etiopica della stessa storia si riferisce ad Alessandro come l’uomo con “due corna”.
Si ritiene che Alessandro il Grande fu ritratto con le corna ispirandosi all’iconografia del dio egizio Amman Ra che è stato raffigurato con le corna di ariete. Anche il dio egizio Khumn, uno dei più antichi dèi d’Egitto, il cui culto si pensa era molto popolare fin dal Periodo Predinastico, è stato raffigurato con delle corna. A volte il Dio è stato raffigurato con quattro teste di ariete, un animale sacro che rappresentava il dio del sole Ra, il dio dell’aria Shu, il dio della terra Geb e Osiride il dio degli inferi. 
Khnum era in origine un dio d’acqua che regnava su tutto il mondo acquatico, compreso i fiumi e i laghi della malavita. Questo Dio era anche una divinità protettrice dei morti. Su alcune raffigurazioni, troviamo il dio greco Zeus raffigurato come un essere umano ad eccezion fatta per le sue corna di ariete.Cernunnos era un dio nella mitologia celtica che possedeva due corna di cervo sulla parte superiore della testa. 
Molte leggende e miti si riferiscono a lui come il Cornuto o Il Dio Cornuto pur non avendo delle autentiche corna. Cernunnos è anche conosciuto come The Stag il Dio Cornuto della Caccia, il Signore della Foresta, il Signore della caccia, e il Signore degli animali. Nella mitologia del Nord America, Europa ed Estremo Oriente si parla anche del Serpente Cornuto, una figura mistica associata con l’acqua, la pioggia, fulmini e tuoni. Ora, diamo uno sguardo ad un notevole antico reperto quando nel 1880 un grande tumulo fu scoperto a Sayre, Bradford County, Pennsylvania, Stati Uniti.
In questo luogo, un gruppo di nativi americani si erano imbattuti con alcuni teschi umani e una moltitudine di ossa disseminate su una vasta area. 
Gli scheletri appartenevano a uomini di dimensioni normali, ad eccezione di alcune protuberanze ossee situate appena sopra le sopracciglia le quali ricordavano delle corna. Le ossa appartenevano presumibilmente a una razza di giganti, alti più di sette piedi di cui gli indigeni avevano un grande timore .
Gli scienziati hanno stimato che l’anno di sepoltura dei corpi si aggira intorno all’anno 1200 ancor prima dell’arrivo degli europei . 
La scoperta archeologica è stata fatta da un gruppo di rinomati antiquari, tra cui il Dr GP Donehoo, un dignitario della Chiesa presbiterale della Pennsylvania, AB Skinner, del Museo americano e WKMorehead del Phillips Academy di Andover, Massachusetts. Le ossa e i teschi sono stati successivamente trasportati all’American Museum Investigating di Philadelphia. Da allora si sono perse le tracce di questi importanti reperti che potrebbero far riscrivere la storia evolutiva dell’uomo. Probabilmente, i manufatti sono stati rubati su commissione visto che non hanno fatto piu’ ritorno nelle sale sale espositive dei musei. Nel 19° secolo, teschi simili sono stati scoperti nei pressi di Wellsville, New York e in un villaggio minerario vicino a El Paso, in Texas. 
Come abbiamo visto l’enigma degli uomini con le corna è molto antico e abbastanza diffuso. Nei tempi antichi, le corna erano un simbolo di regalità anche se vi è una forte possibilità che le raffigurazioni di persone con le corna potevano essere associate alle potenti divinità degli uomini Serpente.
Fonte di riferimento:messagetoeagle.com
 

20 Total Views 1 Views Today

I commenti sono chiusi.