Un globo metallico avvistato da un pilota di jet

Military Jets Dogfight With UFO_thumb[1]

Il pilota di un aereo privato e’ stato costretto ad impegnarsi in un “dogfight” nei cieli di San Bernardino, California, a seguito della comparsa in cielo di un misterioso globo dall’aspetto chiaramente metallico.
Secondo il testimone che preferisce mantenere l’anonimato l’incontro con lo strano dispositivo si sarebbe verificato lo scorso 5 giugno 2016 il cui caso è stato subito protocollato dal MUFON con il nr. 76954. L’incontro è avvenuto subito dopo il decollo dell’aereo ad un’altitudine di circa 1.000 piedi ove veniva avvicinato da un insolito oggetto sferico che sembrava voler seguire l’aeromobile osservando una distanza di circa 300 piedi. Il testimone ha aggiunto che il globo aveva ripetutamente cambiato direzione fino ad avvicinarsi pericolosamente all’aereo affiancandosi all’ala sinistra. L’oggetto volante descritto dal testimone aveva le dimensioni di un pallone da basket e una superficie altamente riflettente. Secondo il pilota, l’oggetto misterioso è stato visto sfrecciare proprio al di sotto della carlinga come le sue intenzioni fossero quelle di deviare la rotta dell’aereo. Il misterioso globo sembrava reagire prontamente ai numerosi tentativi del pilota di scongiurare una collisione in volo impegnandosi in una serie di repentine manovre a sinistra e accelerando bruscamente . Casi simili sono stati segnalati anche da altri piloti civili e militari i quali si sarebbero imbattuti in diverse occasioni con degli oggetti sferici simili a quello riferito dall’anonimo testimone i quali costrinsero i jet ad impegnarsi in una serie di duelli aerei al fine di eludere la loro pericolosa ingerenza . Probabilmente il caso più conosciuto di un incontro aereo del terzo tipo che vide confrontarsi un pilota umano e un UFO è quello meglio conosciuto nel mondo dell’aeronautica come il caso Gorman verificatosi il 1 ° ottobre 1948, in North Dakota. Quel giorno la torre di controllo non aveva rilevato nessun altro velivolo se non quello del pilota di un Mustang, il quale insieme a un passeggero osservò il volo di un oggetto volante non identificato delimitato da strane luci lampeggianti. Il pilota Gorman tentò ripetutamente e senza successo di avvicinarsi all’oggetto volante al fine di identificarlo meglio . Il suo aereo stava volando al massimo della velocità, a circa 400 mph, nel vano tentativo di accorciare la distanza che lo separava dall’UFO .Nel tentativo di tagliare la sua rotta il pilota Gorman si impegnò in una serie di spericolate manovre con l’intento di avvicinarsi all’Ufo che nel frattempo aveva raggiunto una quota di 5.000 piedi scomparendo dalla vista per alcuni istanti. Grande fu lo stupore del pilota quando notò l’oggetto volante puntare dritto verso di lui per poi cambiare direzione improvvisamente e salire nuovamente di quota. Gorman tentò di seguire il misterioso dispositivo fino a quando non fu costretto a fermarsi ad una altitudine di circa 14.000 piedi mentre l’UFO volava tranquillamente a 2.000 piedi sopra l’aereo. . Secondo Gorman, l’UFO era sprovvisto di ali e della fusoliera visto che aveva l’aspetto di una “sfera luminosa ” con un diametro di circa 8 pollici. La caccia al misterioso intruso si interrompeva nel momento in cui Gorman realizzava che davanti a lui aveva una macchina volante nettamente superiore. Questi strani oggetti sferici furono osservati anche durante la seconda guerra mondiale quando i piloti di caccia riferirono in più occasioni di essere stati avvicinati da strani dispositivi volanti i quali sembravano interagire in modo intelligente con il volo degli aerei da guerra. Finora nessuno è riuscito a spiegare cosa fossero veramente questi insoliti globi volanti che alcuni interpretano per delle avanzate sonde robotizzate di fattura extraterrestre. Il video sottostante si riferisce ad un altro evento verificatosi in Turchia, quando un pilota militare fu avvicinato da una strana sfera metallica

65 Total Views 1 Views Today
(Visited 1 times, 1 visits today)
Con le parole chiave , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati