I cerchi nel grano non sono un fenomeno moderno.

cerchi nel grano
Essi sono stati menzionati gia’ negli antichi testi accademici risalenti al tardo 17 ° secolo, e quasi 200 casi sono stati corraborati da alcune testimonianze ancora prima che comparissero i primi paranoici circlemakers. 

Prima di quella data, circa ottanta testimoni oculari della British Columbia e dell’Australia avevano segnalato la comparsa di misteriosi cerchi nel grano che si erano formati in meno di 20 secondi. Questi casi sono stati spesso accompagnati da avvistamenti di strani fenomeni luminosi o da sfere incandescenti dai colori vivaci, fasci di luce o da oggetti volanti ben strutturatiUna particolare attenzione seria è stata rivolta ai primi e semplici cerchi apparsi nel 1980 nel sud dell’Inghilterra. 
Fino alla metà del 1980, i disegni si erano manifestati principalmente come dei semplici cerchi, a volte accompagnati da anelli che spesso sembravano ispirarsi ai complessi simboli Celtici .  Gradualnente, questi disegni si sono sviluppati strutturandosi in linee rette tali da creare spettacolari pittogrammi, non diversi dai petroglifi scoperti nei luoghi sacri e in prossimità di antiche sepolture sparse in tutto il mondo. 
Dopo il 1990 il fenomeno si e’ sviluppato in maniera esponenziale in termini di complessità, e oggi non è raro imbattersi in glifi che mimano i frattali informatici ed elementi che si riferiscono al quarto processo dimensionale della fisica quantistica.  
Le loro dimensioni sono notevolmente aumentate nel corso degli ultimi anni, visto che in alcune zone i cerchi nel grano occupano grandi estensioni di semininativi arrivando a misurare 200.000 sq ft. Fino ad oggi sono stati documentati più di 10.000 cerchi nel grano, con circa il 90% dei casi segnalati nel sud dell’Inghilterra. 
Mentre molti di questi cerchi spesso non vengono denunciati ogni anno, l’interesse del fenomeno da parte dei media mondiali e di Internet ci ha permesso di ottenere maggiori informazioni su questo bizzarro fenomeno.
Se vi capita di leggere la storia che tutti i cerchi nel grano sono stati originati da due sessantenni armati di assi di legno, rulli da giardino e corde, allora non siete gli unici a non credere a questa favola moderna. 
Sembra che di tanto in tanto, i governi intendano monitorare l’interesse del pubblico in merito alla comparsa di questi fenomeni inspiegabili generando un metodo di disinformazione ‘dissacrante’, una tecnica inventata durante la Guerra Fredda al fine di controllare il parere delle masse .
Il metodo è molto efficace, soprattutto quando i media forniscono dati scientifici che poco o nulla hanno a che fare con l’interesse pubblico visto che la gente comune preferisce ottenere un parere sintetico e molto esaustivo sull’argomento. 
Questa assenza di prove viene poi sostituita attraverso la ridicolizzazione del soggetto associandolo con altri temi che i cosiddetti esperti sono soliti attribuire a eventi particolari come insolite condizioni atmosferiche, l’opera di burloni e anche all’attività di animali sessualmente eccitati!
Secondo quanto riportato da alcuni documentari televisivi, tutti i cerchi nel grano segnalati fino al 1992 erano stati realizzati da due semplici anziani conosciuti nel mondo dei circlemakers come Doug e Dave. 
Da allora è stato scoperto dai ricercatori George Wingfield e Armen che la storia che si cela dietro ai due attempati burloni potrebbe essere stata orchestrata dal Ministero della Difesa britannico in collusione con la CIA. 
Le prove fornite da un informatore di alto rango del ministero della Difesa britannico hanno suggerito che il governo era intenzionato a screditare il fenomeno proponendo i due burloni come i veri responsabili dei complessi disegni, nel tentativo di sedare il crescente interesse da parte del pubblico nei confronti dei cerchi nel grano (la storia completa è disponibile nel libro, Segreti Nei Campi).  Di fronte all’emergere di nuove prove su determinate formazioni rivendicate da Doug e Dave, inspiegabilmente i due hanno cambiato la loro storia, anche invertendo le rivendicazioni precedenti visto che non potevano spiegare le caratteristiche insolite rilevate all’interno degli autentici cerchi. Quando i due burloni sostennero di essere i veri responsabili delle formazioni segnalate in tutta la contea inglese di Hampshire, per esempio, è stato fatto notare che la metà dei Crop Circle si erano effettivamente formati in un’altra zona. 
Alla fine, neanche Doug e Dave sono riusciti a spiegare il contenuto di ciò che avevano disegnato. 
E anche se avevano affermato di aver organizzato delle bufale dal 1978, la farsa terminò quando vennero pubblicate delle prove inedite relative ai cerchi nel grano risalenti al lontano 1890.  Il pubblico non aveva mai prestato attenzione a queste ritrattazioni, né gli e’ stata data la possibilità di confrontare il caos creato dai due anziani burloni che ignoravano l’eleganza matematica che caratterizzava il fenomeno reale.
Nel 1998, tuttavia, un membro della coppia di circlemaker fece un’ammissione incredibile davanti ai giornali britannici riferendo che era stato guidato da una forza sconosciuta.
Dal momento che Doug e Dave sono considerati i precursori di molti circlemaker,  altri falsificatori rivendicarono le loto opere pur di ottenere qualche riga sui giornali locali.
L’obiettivo di alcuni di loro era quello di smentire o deviare l’interesse e le affermazioni rilasciate dai ricercatori, alcuni perche’ interessati a trarre profitto economico, altri perché erano degli socioapatici, convinti di poter ricreare di nuovo il fenomeno dei Crop Circle (con risultati molto interessanti). 
Da tenere presente che prima del 1989 il problema delle burle era praticamente sconosciuto. 
Dopo il 1990 i disegni di origine antropica sembravano variare a seconda degli anni come nel caso del 1992 e nel 1998 quando la comparsa dei Crop Circle è stata particolarme elevata con il 90% dei casi segnalati nel 1996.
Che delle persone con una buona qualità di formazione avrebbero potuto recarsi in un campo e, infine, creare un modello coerente, non è mai stato messo in discussione, anche se un gruppo di truffatori noti come i circlemakers della Squadra di Satana è stato pagato per trasferirsi comodamente in Nuova Zelanda affinche’ potesserp creare una formazione molto elaborata per conto di Discovery Channel. 
Le tattiche ingannevoli utilizzate per confondere il pubblico televisivo affinché venisse accettata la teoria della beffa sono trattate qui di seguito .
Il vero problema è che nessun crop circle artificiale è mai stato replicato in modo soddisfacente insieme alle peculiarita’ ad esso associate, e questo la dice lunga sullo sconcerto degli scienziati e ricercatori visto che i cerchi nel grano potrebbero essere stati generati da una forza che apparentemente potrebbe contrastare i canoni della scienza moderna. 
Al centro della discussione beffa è emerso che nessun oggetto fisico avrebbe le capacità di appiattire il raccolto al suolo senza la conseguente rottura della pianta e dei steli. 
Di solito nelle formazioni genuine i gambi non vengono rotti, ma piegati a circa un pollice da terra e in prossimità del primo nodo della pianta. Quello che appare evidendte e’ che le piante sembrano essere state sottoposte ad una breve e intensa emissione di calore tale da ammorbidire i gambi che tenderebbero a piegarsi verso a terra con un angolo di 90 gradi. I Biologi continuano a rimanere sconcertati da questo fenomeno, e gli agricoltori non sanno spiegarsi come le loro colture abbiano potuto subire un tale danno.
Le ricerche e le prove condotte in laboratorio indicano che le microonde o infrasuoni otrenne essere l’unico metodo capace di produrre un tale effetto.
I cerchi nel grano sono talvolta accompagnati da strani suoni che sono stati catturati su nastro e analizzati dalla NASA come origine artificiale, con una componente armonica di 5,2 kHz. 
La rilevazione di emissioni elettromagnetiche differenzia anche le varie formazioni genuine che hanno poche cose in comune con quelle false. Questa energia sembra sprigionarsi da alcuni siti particolarmente antichi, come pietre disposte a cerchio, tumuli, dolmen e menhir, e in chiese e cattedrali che sono state edificate su questi luoghi. I cerchi nel grano,i luoghi sacri e altri luoghi di culto sono stati edificati spesso sui punti di intersezione disposti lungo la griglia di energia che circonda in modo invisibile la Terra. Inoltre la dimensione e la forma di un cerchio nel grano è tipicamente determinata dalla zona in cui questi punti “nodali” sono disposti sulla superficie terrestre. 
Le frequenze di questa energia sono spesso associate ai cambiamenti dei modelli vibrazionali delle onde cerebrali che influenzano anche il ritmo biofisico del corpo, per cui non è raro trovare segnalazioni di persone che vivono in particolari stati di consapevolezza e subiscono improvvise guarigioni durante la loro permanenza nelle colture, una situazione comune che sembra manifestrasi nei luoghi sacri e di culto. 
Alcune persone possono anche sperimentare vertigini, disorientamento e nausea. Tutti questi effetti possono essere provocati anche da una prolungata esposizione ad entrambe le emissioni di infrasuoni o microonde.
Nelle formazioni genuine vengono rilevate anche delle alterazioni della struttura cristallina della pianta. Eppure, in tutti i casi, le piante non sembrano essere state danneggiate irreversibilmente visto che continuano a crescere e maturare. Ciò non sarebbe possibile se fossero state calpestate con forza.
Le piante all’interno dei Cerchi nel grano genuini sembrano essere state piegate e rotate dolcemente creando un tappeto dalle proporzioni matematiche simile a quell’Aurea che genera dei vortici utilizzati anche in natura per creare organismi biologici molto precisi come i gusci delle lumache, girasoli, e persino le galassie. I cerchi nel grano genuini non sono perfettamente rotondi ma leggermente ellittici (che se fosse una bufala, richiederebbe una corda centrale fissa che non consentirebbe di raggiungere questo obiettivo in modo adeguato). I loro bordi sono ben definiti come se fossero stati disegnati con un compasso e incisi con una precisione chirurgica. Matematicamente, i cerchi nel grano genuini codificano oscuri teoremi sulla base della geometria euclidea, così come i principi immutabili della geometria sacra. 
Essi hanno la capacità di alterare il campo elettromagnetico locale in modo che le bussole non possano individuare il nord.
Inoltre le macchine fotografiche, telefoni cellulari e le batterie non riescono a operare correttamente, mentre gli strumenti degli aerei collassano quando il velivolo si trova a sorvolare l’area interessata.
Poi ci sono i livelli di radiazione di fondo che arriva fino al 300% molto superiore alla norma, oltre alle frequenze radio che oscillano drasticamente o aumentano in modo brusco in prossimità dei perimetri che delimitano i cerchi.
Inoltre gli animali delle vicine aziende agricole tendono ad evitare queste particolari aree o semplicemente si agitano prima ancora della materializzazione dei cerchi. 
Per non parlare delle batterie delle auto che si scaricano improvvisamente e intere città che rimangono al buio perche’ prive di energia elettrica.
I crop circle genuini sono soliti materializzarsi lungo le correnti di energia elettromagnetica della Terra, in riferimento ai siti neolitici locali dalle stesse dimensioni, forme, e direzioni che spesso assumo l’aspetto circolare caratterizzato da 150 anelli concentrici che sembrano rappresentare l’energia sprigionata dal di fuori del perimetro fisico, come le onde in uno stagno. Infatti, l’impronta energetica delle formazioni tende a rimanere ancora percettibile anche molto tempo dopo la scomparsa delle tracce fisiche precedentemente impresse sui raccolti. 
Questa area di ricerca ha permesso la possibilità che i cerchi nel grano potrebbero essere considerati come una forza di guarigione, una teoria già precedentemente formulata con successo in merito alle terapie di radionica, nell’essenze floreali e nelle terapie di risonanza condotte su alcune persone e ambienti in difficoltà.
I cerchi nel grano generalmente si formano di notte, tra le ore 02.00 e le 04.00 del mattino, e tradizionalmente durante le serate più corte dell’anno inglese quando l’oscurità dura solo quattro ore anche se i campi sono avidamente vigilati dagli agricoltori, militari, scienziati o centinaia di appassionati che nei loro sacchi a pelo sperano di essere i primi fortunati ad assistere di persona alla comparsa di questi affascinanti cerchi. 
A Stonehenge nel 1996 , un pilota aveva riferito di non aver visto nulla di strano mentre volava sopra il monumento megaltico, ma 15 minuti un’enorme formazione di 900 ft simile ai frattali di un computer fu segnalata da alcuni testimoni i qualo riferirono di aver rilevato un complesso disegno caratterizzato da 149 cerchi meticolosamente impressi accanto ai megaliti. 
A questo punto, visto che la stagione dei seminativi 2015 sta per volgere al culmine non ci rimane altro che attendere la comparsa del prossimo cerchio che potrebbe nascondere chissà quale altro messaggio recondito destinato ad essere interpretato solo da quelle poche persone in grado di sintonizzarsi con le invisibili frequenze trasmesse dalle profondità dell’universo e dalla Terra stessa.
Fonte di riferimento:ufoevidence
16 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati