“I giardini pensili” di Plutone

 Pluton-NASA
La sonda New Horizons ha trasmesso con successo delle nuove immagini di alta qualità che mostrano la superficie di Plutone, tra cui una struttura a forma di “cuore”, una zona ricoperta da ghiaccio di circa 2000 km di larghezza. 
L’annuncio è stato fatto dai funzionari responsabili della missione durante una conferenza della American Geophysical Union (AGU), tenutasi recentemente a San Francisco.
“Anche se attualmente abbiamo ricevuto poco meno della metà dei dati raccolti dalla sonda New Horizons, una vasta antologia di nuovi risultati scientifici sono già sul punto di emergere”, ha commentato Alan Stern, capo del team scientifico della missione. Le immagini in questione già pubblicate sul sito ufficiale della NASA, mostrano segni di attività geologica sulla superficie del pianeta nano compreso alcune formazioni rocciose chiamate “giardini pensili”.
Queste strutture rocciose, tra cui alcune deformazioni del terreno dovute all’erosione del vento sono caratterizzate da ripide scogliere che si affacciano sul “cuore” di Plutone. Secondo i geologi, la formazione di tali rilievi è da attribuirsi a una graduale evaporazione dell’azoto liquido questo perché Plutone è cosparso di profonde crepe, soprattutto nelle regioni che confinano con il suo “cuore” congelato.Per i ricercatori i “giardini pensili”, non sono l’unica meraviglia che sembra riservarci il pianeta nano.
Caronte, uno dei suoi satelliti, sarebbe caratterizzato da una sottile atmosfera originata dall’ammoniaca che secondo gli scienziati può essere parzialmente associata con l’evaporazione di sostanze gassose, presenti in abbondanza sulla superficie del corpo celeste. Ai primi di settembre, la sonda New Horizons ha iniziato a trasmettere a Terra i dati raccolti durante il suo viaggio fino al punto estremo del sistema solare.
La sonda New Horizons è stata lanciata il 19 Gennaio 2006, perseguendo l’obiettivo di studiare il pianeta nano Plutone e dei suoi satelliti. Nel mese di luglio 2015, si è avvicinata a Plutone inviando a Terra una serie di fotografie e dati che permetteranno di comprendere meglio la composizione chimica della superficie e dell’atmosfera del pianeta nano.
Fonte di riferimento:sputniknews.com

 

30 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati