Il mistero della biglia Marziana

palla Marziana

Dopo che il laboratorio chimico che si trova a bordo del rover Curiosity ha analizzato la composizione minerale del suolo marziano e’ emerso che il suo aspetto rossastro è dovuto al materiale ferroso in esso contenuto e ad alcuni grani di minerali simili a quelli che compongono il tufo vulcanico facilmente reperibile in prossimità dei vulcani delle Hawaii. 
Considerato ciò, quale processo avrebbe determinato la formazione di questa curiosa sfera Marziana dal diametro di circa 10-15 centimetri? 
Di certo non è una palla di cannone o una palla da biliardo anche se la roccia è perfettamente sferica e ben levigata. 
Alcuni geologi attribuiscono la roccia sferica a delle concrezioni di ferro ottenute attraverso la compattazione di sedimenti catturati da alcuni depositi di carbone.
La strana palla scoperta nei pressi di Irkutsk (Russia) in una delle miniere di carbone.
Piccole biglie ferrose scoperte su Marte 10 anni fa
Un’altra ipotesi, è che le sfere potrebbero essersi formate a seguito della cristallizzazione di alcuni strati di magma vulcanico o attraverso l’amalgama di sostanze estranee come l’argilla, che dopo aver creato dei vuoti quest’ultimi sarebbero stati riempiti dalla lava bollente. 
I vuoti creati dall’argilla ricordano i fori del formaggio svizzero quando nel suo interno si creano delle sacche d’aria perfettamente circolari.

16 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati