Il mistero dell’hotspot UFO nascosto tra le montagne di Portorico

UFO   Portorico
Il continente americano è diventato da molto tempo una delle destinazioni favorite dagli Ufo. Quarant’anni fa, introdurre l’argomento degli UFO in Portorico sarebbe stato spiegato con due ipotesi su come e dove il fenomeno avrebbe potuto manifestarsi meglio .
Uno di questi luoghi è al Caribbean National Rainforest – meglio conosciuto come un enigmatico picco sovrastante la giungla conosciuta come El Yunque mentre l’altro luogo è di gran lunga meno conosciuto visto che si trova al di fuori della stessa isola, nel distretto di Adjuntas, un luogo immerso nella catena montuosa centrale dell’isola.
Dedita alla coltivazione del caffè questa regione dell’isola caraibica nella Cordigliera Centrale, è di gran lunga la più fredda dell’Atlantico e delle coste caraibiche visto che le temperature negli anni sessanta hanno raggiunto minimi molto bassi . 
Ricca di vegetazione, la regione ha acquisito la reputazione per essere un hotspot per gli UFO – una caratteristica che dura fino ad oggi.La presenza UFO nel centro dell’isola, però, risale molto più indietro , nel 1970. 
Durante l’ondata di avvistamenti che si verificò sopra Porto Rico nel 1950, emersero numerose relazioni dal vicino paese di Jayuya che riportavano la presenza di “un disco volante di notevoli dimensioni ” avvistato dalla comunità locale il 9 ottobre, 1952 alle ore 7:30 pm. 
La luce proiettata dall’oggetto che aleggiava sopra una raffineria di zucchero era tale che un maestro di scuola locale, Aida Reyes, e’ stato costretto a chiudere gli occhi, poiché la forte luminosità dell’oggetto era paragonabile a quella del sole .
L’intensa luce proveniva da un oggetto di forma ovale, che si muoveva silenziosamente attraverso i cieli della regione.L’attività UFO su Adjuntas è iniziata – secondo fonti giornalistiche- nel mese di ottobre 1972, come parte di una quasi costante serie di avvistamenti e altre attività paranormali, che non si sono replicate più se non tra il 1987-1995 . 
In quel periodo, un quotidiano locale, El Nuevo Día aveva menzionato la presenza di strani oggetti volanti non identificati le cui manifestazioni avevano provocato molto sconcerto e preoccupazione tra la popolazione di Adjuntas. 
Fonti della polizia hanno riferito ai giornalisti che l’oggetto di colore giallo-arancione, sarebbe apparso all’improvviso nel cielo notturno per poi svanire dopo alcuni istanti. 
L’oggetto volante non identificato era solito manifestarsi tra le ore 19:00 e le 22:00 di sera. 
La scettica ormai defunta San Juan Stella si schierò con i pareri del servizio meteorologico locale, che ha spiegato l’origine degli avvistamenti attribuendoli al volo di un pallone meteorologico che era solito essere lanciato dall’aeroporto di Isla Verde alle ore 19.00 di sera. 
I venti prevalenti, secondo il servizio meteorologico, avrebbero trasportato il pallone meteorologico nelle vicinanze di Adjuntas, una cinquantina di miglia di distanza dall’aeroporto.
Luis Maldonado Trinidad, un comandante della polizia per l’area meridionale dell’isola (che in futuro sarebbe diventato un commissario di polizia molto noto), aveva trasmesso un rapporto ai suoi superiori attraverso il quale si riferiva che il personale di polizia aveva visto degli oggetti volanti molto insoliti.La sua relazione li descriveva come “luci gialle di forma sferica che viaggiavano a velocità considerevole pur rimanendo silenziosi, emettendo una luminosità che durava tra i cinquanta e i sessanta secondi mentre si spostavano da un lato all’altro del cielo prima di svanire in prossimità della vicina montagna “.
Un altro caso risale al 10 Ottobre 1972, e vede protagonisti Milton Kleber e il nipote che verso le ore 21.00 di sera stavano guidando lungo una delle strade strette della regione, a nord di Adjuntas, in prossimità di un lago artificiale creato per soddisfare le esigenze della locale rete idroelettrica. 
Mentre si allontanavano dal luogo abitato, lo zio e nipote videro un oggetto dalla forma arrotondata e leggermente appiattita come un’ostrica che si muoveva parallelamente al loro veicolo.
A sinistra della strada abbiamo notato la sagoma scura di una montagna che si stagliava contro un cielo pieno di basse e nere nuvole nimbo-Stratus. Tra la montagna e l’autostrada, ad un’altezza di circa un migliaio di piedi e ad un angolo di 60 gradi rispetto alla nostra macchina, abbiamo visto il contorno di un oggetto nel cielo che si muoveva lungo l’orizzonte, ad una velocità pari a quella della nostra auto . Era di colore arancio pallido, non era lucido, ma piuttosto era di un colore opaco .
©:Di Scott Corrales
24 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati