La teoria delle “invisibili” sonde aliene autoreplicanti


self_replicating_invisible_alien_space_probes_exploring

Per un attimo proviamo ad immaginare che delle autoreplicanti sonde aliene robotiche fossero state inviate nel nostro sistema solare da qualche lontana civiltà avanzata sviluppatisi molto prima della comparsa del genere umano.
Ipotizziamo anche che questa/e civiltà si fossero evolute al punto da sviluppare una tecnologia in grado di consentirgli di percorrere grandi distanze e rendersi invisibili all’occhio umano. Ebbene un nuovo studio suggerisce che ciò potrebbe essere possibile considerando che la nostra civiltà non possiede ancora quella tecnologia avanzata in grado di rilevare la loro discreta presenza. 
I ricercatori dell’Università di Edimburgo ritengono che delle razze aliene avrebbero potuto usare la gravità delle stelle per imprimere alle loro sonde la spinta necessaria pere ottenere l’effetto “fionda”, al fine di consentire loro di guadagnare velocità: una tecnica che gli esseri umani utilizzano per le sonde terrestri, come la Voyager. Quest’ultima si avvale dell’effetto ‘fionda’, che sfrutta la gravità dei pianeti piuttosto che quella fornita dalle stelle come alcuni matematici scozzesi suggeriscono al ‘The Independent’
Gli eccentrici ricercatori hanno anche ipotizzato come una flotta di sonde potrebbe ‘auto replicarsi’ e costruire nuove versioni di se stesse approvvigionandosi delle particelle di polvere e gas che verrebbero assimilate durante il loro lungo viaggio attraverso lo spazio. Le sonde possono essere così hi-tech da rendersi invisibili agli esseri umani, secondo da quanto affermato dai matematici Duncan Forgan e Arwen Nicholson.
Il fatto che non abbiamo rilevato le sonde di questo tipo rende difficile credere che le civiltà che le avrebbero potuto costruite non potessero provenire da uno dei tanti pianeti disseminati nella Via Lattea “, ha affermato Forgan.
Secondo i calcoli dei ricercatori, le sonde aliene avrebbero solo bisogno di viaggiare a un decimo della velocità della luce, al fine di esplorare ogni parte della nostra galassia in 10 milioni di anni.
Possiamo concludere che una flotta di sonde autoreplicanti può infatti esplorare la galassia in un tempo sufficientemente breve. Gli ordini di grandezza sono inferiori all’età della Terra“, hanno concluso i ricercatori.
Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Astrobiology.

 Fonte di riferimento:disclose.tv

29 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Una reazione a La teoria delle “invisibili” sonde aliene autoreplicanti

  1. alien ha scritto:

    INFO UFO:OSSERVAZIONI E CITAZIONI:I NUOVI ALIENI!Abbiamo piu' volte ribadito, che finora sono veuteòe intelligenze aliene sbagliate, intelligenze aliene elusive e sfuggenti che mai farannocontatti alal luce del sole con la specie umana terrestre.Peggio ancora, dobbiamo anche concludere chequelle entita' definite grigi o pseudo-grigi, devonoaver scacciato e allontanato quelle entita' ET cheerani presenti negli anni '50,'60,'70 e che forseavevano intenzione d manifestarsi piu' palesementealla razza umana del pianeta Terra! Se si guardabene tutta la casistica degli incontri ravvicinatidel ternzo tipo di quel periodo, si vedra' beneche le entita' aliene di allora non sono le stesseche si vedono in questi anni! Non ci sono piu'! Allontanate o cacciate da altri alieni!La venuta e la presenza degli alienigrigi e' stata la rovina di qualsiasipossibile contatto e inibito ogniprospettiva di cambiamento evoluti-vo per la specie umana del pianeta!Su tutto questo scenario poco edificante senon sconfortante, gli stessi ufologi non ne'parlano chiaramente o fanno dell'omertaìpalese! Cosa si puo' fare direte voi?:Possiamo solo confidare nella venura di altri Etpiu' decisi e non disposti a farsi condizionareda presenze aliene precedenti e quindifavorevoli al contatto massimo con la specie umana! Oppure, dobbiamoconfidare che vengano scoperte altre civilta Etcon le ricerche che si fanno ora su altripianeti extrasolari. In tutti i casi, nonfacciamoci illusioni su quelli presenti ora,perche' non hanno nessuna intenzione, per motivi loro, inconfessabili, di fare manife-stazioni alla luce del sole. Dobbiamo soloconfidare nei nuovi alieni!