L’incidente UFO di Aurora rimane ancora un mistero alieno

Fonte di riferimento
La leggenda narra che la tomba di un presunto alieno in Aurora si trova nel locale cimitero sotto il braccio piegato di un vecchio albero. Le numerose richieste di riesumare il corpo in passato sono state sempre negate dal consiglio del cimitero.

il cimitero di Aurora
La città di Aurora, Texas, è stata la prima Roswell della storia dell’ufologia per via dell’avvenuto schianto di una navicella di origine sconosciuta. Aurora era una tranquilla città di provincia poco conosciuta fino a quando improvvisamente divenne famosa per via della leggenda che si era creata su presunto visitatore alieno precipitato dallo spazio. 
In questa data, nel 1897 un UFO avrebbe distrutto un mulino a vento appartenente al giudice JS Proctor. Un ufficiale di un avamposto dell’esercito locale aveva riferito che un “marziano” non di questo mondo” era morto a seguito dello schianto e che sarebbe stato sepolto nel vicino cimitero. L’incidente riportato fa parte di uno dei numerosi misteri americani risalenti alla metà degli anni 1890, forse il più importante evento inspiegabile mai registrato in Texas. Oggi, l’unico ricordo di quello schianto, avvenuto nel 1897, è un piccolo marcatore storico posto vicino al cimitero di Aurora.
A differenza delle lapidi che commemorano le storie dei fondatori della città e gli eroi di guerra vi è una sola riga sulla lapide del visitatore presumibilmente sepolto in una tomba anonima. “Le più antiche tombe conosciute del cimitero di Aurora risalgono agli inizi del 1860, e appartengono alle famiglie Randall e Rowlett. Finis Dudley Beauchamp (1825-1893), un veterano confederato del Mississippi, aveva donato il sito di 3 ettari alla neo- formata Aurora Lodge No. 479, AF & AM, nel 1877. Per molti anni, questa comunità di sepoltura era conosciuta come Masonic Cemetery.  Beauchamp, sua moglie Caroline (1829-1915), ed altri della loro famiglia a seguito di un’epidemia che aveva colpito il paese nel 1891 avevano aggiunto altre centinaia di tombe nel nuovo cimitero. 
Chiamata “la febbre gialla” dai coloni, la malattia era stata considerata essere una forma di meningite.    
Nel commemorare il 110 ° anniversario dello schianto l’ex scrittore Houston Chronicle Eyder Peralta aveva visitato la città di Aurora ,a 30 km a nord di Fort Worth constatando che la gente del paese dimostrava una certa apatia in merito alla leggenda creatisi sul visitatore alieno e sulle decine di curiosi che si erano recati in quella città per visitare il luogo dell’incidente. Gli ospiti erano graditi all’inizio, ma quando avevano iniziato a calpestare il suolo del piccolo cimitero e rubare le lapidi e altri manufatti del museo della città, la notorietà della città veniva vista con molto fastidio dai cittadini del posto. Nel 1970, un gruppo del Bureau International UFO era intenzionato a riesumare il corpo del presunto alieno alla presenza dei media portati al seguito ma furono allontanati dai residenti arrabbiati.

promozione siti
17 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati