Mistero sulla moria di migliaia di antilopi in Kazakistan.

  
source image
Mentre il bilancio delle vittime è salito considerevolmente gli ambientalisti stanno ancora cercando di capire cosa è veramente successo agli animali.
Oltre la metà della popolazione delle antilopii africane è scesa considerevolmentea per via delle inspiegabili morto verificatisi nelle ultime settimane.L’allarme è stato sollevato all’inizio di questo mese, quando decine di migliaia di antilopi, già considerate una specie in pericolo, sono state trovate morte nei campi di tutto il Kazakistan.
“Si preannuncia una catastrofe completa”, ha detto l’ambientalista EJ Milner-Gulland al momento della scoperta. Ora solo una settimana dopo, il bilancio delle vittime è salito da circa 19.000 a più di 120.000 – una cifra che rappresenta circa la metà di tutta la popolazione residua di antilopi che vivono nella taiga. “Temo che gli animali continueranno a morire e noi non sappiamo ancora quale sarà il numero finale di questa moria .”
Ancora più preoccupante è il fatto che quasi il 90% degli animali morti sono delle femmine, il che significa che, anche se la specie dovesse sopravvivere quello che sta succedendo, sarà molto difficile per loro ripopolare la specie che rischia di scomparire dalla faccia della Terra. 
Gli scienziati che studiano il fenomeno ritengono che un qualche tipo di malattia polmonare può essere la spiegazione più probabile, mentre un’altra possibilità che i gas di scarico di un razzo lanciato dallo spazioporto Baikonur possa aver avvelenato l’aria della regione.
La moria di massa è un disastro completo per gli ambientalisti che in precedenza erano riusciti a ristabilire i numeri delle antilopi ‘da appena 21.000 nel 2003 a 265.000 il numero degli animali censiti l’anno scorso. Se la causa delle morti non verrà scoperta e arrestata al piu’ presto allora potrebbe essere solo una questione di tempo prima che la specie possa scomparire definitivamente . 
Fonte di riferimento: unexplained-mysteries 
  
14 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati