Phobos: l’ultimo antico avamposto alieno

phobos_thumb[1]

Nel 1960, il Dr. S. Fred Singer, consigliere speciale del presidente Eisenhower sugli sviluppi spaziali disse :”Phobos, generalmente è stato accettato per essere un corpo celeste, quando in realtà potrebbe essere benissimo un satellite artificiale in grado di autogestirsi lanciato molto tempo fa da una razza marziana molto avanzata” .

Alien-Megastructures-_thumb[1]

Nel nostro sistema solare, ci sono tre lune che negli ultimi decenni hanno scatenato numerosi e accesi dibattiti tra i ricercatori nel tentativo di giungere a una conclusione comune sulle effettive origini di questi insoliti corpi celesti rappresentati dal nostro satellite naturale che orbita intorno alla Terra, da Phobos la luna di Marte e Europa la luna di Giove.
La nostra Luna è stata fortemente messa in discussione negli ultimi cinquanta anni, per via dei suoi numerosi misteri irrisolti. Il Dr. Robert Jastrow, il primo presidente della Commissione del Lunar Exploration della NASA non è affatto d’accordo su quanto asserito da alcune persone secondo le quali la nostra luna sarebbe in realtà una corpo celeste terra-formato artificialmente attraverso un avanzata ingegneria non terrestre talmente avanzata da nascondere la struttura artificiale sotto uno spessore di 3 miglia di strato esterno costituito da polvere lunare e rocce. Sotto questo strato, si ritiene che la luna nasconda un solido guscio di circa 20 miglia di spessore costituito da materiali altamente resistenti, come il titanio, l’uranio 236, mica, e il nettunio 237.
Sicuramente, tutti elementi che non ci si aspetterebbe di trovare “all’interno ” della luna . Robin Brett, uno scienziato della NASA forse è riuscito a descrivere la luna nel modo più accurato possibile quando proferi’ le seguenti parile: “sembra più facile spiegare la non esistenza della luna che la sua esistenza. ”
La luna di Giove, Europa è un altro misterioso satellite che continua a stimolare la fantasia di alcuni sostenitori dell’exopolitica . Secondo alcuni ricercatori, il posto migliore per cercare la vita extraterrestre è senza dubbio la luna di Giove. Secondo le dichiarazioni del dottor Kevin, un astrobiologo del Jet Propulsion Laboratory della NASA, la ricerca di vita aliena potrebbe rivelarsi feconda nella prossima missione spaziale destinata verso Europa, una delle lune di Giove, che potrebbe contenere la prova finale dimostrando che non siamo soli nell’universo.
Durante un evento tenutosi presso la Royal Institution, il ricercatore ha suggerito che la nostra comprensione degli oceani della Terra è stata osteggiata per lungo tempo dalla mancata conoscenza di quel particolare tipo di ecosistema, il che ci insegna come degli oceani aliena presenti su altri pianeti, potrebbero rivelarsi ambienti potenzialmente abitabili all’interno del nostro sistema solare, tra questi il candidato migliore per sostenere tale teoria è rappresentato dalla luna di Giove, Europa.
Mentre le precedenti due lune sono davvero molto interessanti nella loro loro fattispecie, la luna più misteriosa nel nostro sistema solare è senza dubbio Phobos, la compagna anomala di Marte ‘. In realtà, molti scienziati considerano Phobos come un satellite artificiale, che in poche parole, non orbitare attorno a Marte come gli altri satelliti naturali . Molte sono le incongruenze che balzano subito all’occhio nel momento in cui osserviamo Phobos.
Prima di tutto, la luna è vuota al suo interno visto che non è un solido oggetto celeste, come molti scienziati credevano in passato. Infatti, secondo una ricerca effettuata da parte dell’Agenzia spaziale europea, l’interno di Phobos ‘ è caratterizzato da da ampie caverne strutturate geometricamente con delle pareti ad angolo retto e cavità rilevabili tramite il ritorno degli echi attraverso i riflessi interni del Marsiglia.
In altre parole, la luna Phobos non è il tipico satellite che dovrebbe orbitare naturalmente intorno suo pianeta. È un dato di fatto fatto che l’origine di Phobos rimane ancora un mistero anche perché molti credono che questo piccolo satellite marziano potrebbe essere stato messo in orbita intenzionalmente da ‘qualcuno’ in un lontanissimo passato. Phobos è rimasto avvolto dal mistero fin dalla sua scoperta avvenuta nel 1877, e ancora oggi, non siamo ancora sicuri di che cosa è fatta quello strano tipo di luna.
In tutto il sistema solare Phobos è la luna più vicina al suo pianeta, visto che orbita attorno a Marte ad una distanza di soli 6000 chilometri, un fatto che ha suscitato molti interrogativi tra gli scienziati che mettono in discussione la sua vera origine e il suo scopo. L’anno scorso, il Mars Atmosphere and Volatile della missione Evolution (MAVEN) della NASA ha realizzato numerosi approcci vicino a Phobos. “Tra i dati restituiti a Terra vi sono alcune immagini spettrali di Phobos fotografato nell’ultravioletto”, ha spiegato il portavoce della NASA.
“Le immagini permetteranno agli scienziati della missione Maven di valutare meglio la composizione di questo oggetto enigmatico, la cui origine è ancora sconosciuta.” Secondo la NASA, il confronto tra le immagini e gli spettri ultravioletti della superficie di Phobos insieme ai dati ottenuti dagli asteroidi e meteoriti consentirà agli scienziati di capire se la luna è effettivamente un asteroide catturato dalla gravità del pianeta o se la sua formazione sia avvenuta gradualmente attorno all’orbita del pianeta risso.
È interessante notare che gli studi precedenti hanno permesso di scoprire tracce di molecole organiche rilevate sulla superficie di Phobos, aggiungendo altro mistero a questo misterioso satellite Marziano. Senza aggiungere altro, bisogna bisogna valutare due dettagli molto interessanti su Phobos.
Prima di tutto, nessun’altra luna nel sistema solare è nota per avere un interno pieno di ‘ambienti cavernosi e pareti ad angolo retto oltre ad essere una delle prime lune a mostrare tracce di molecole organiche. Ma il mistero dietro Phobos è molto più enigmatico di quanto si potesse immaginare.
Infatti, quando il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) stava per completare la mappatura della piccola luna di Marte, Phobos, inviando le sue incredibili immagini, luna a forma di patata ha avuto una giornata campale sulla Terra visto che gli ufologi si sono accapigliati tra di loro nel tentativo di spiegare una misteriosa struttura chiaramente visibile sulla superficie di Phobos.
Quello che appariva in bella vista in alcune di queste immagini, era un grande oggetto rettangolare molto simile a un monolite artificiale sebbene nelle vicinanze non sono stati rilevati oggetti aventi una forma e dimensioni simili, quindi la domanda è: di che cosa si tratta? Qual è il suo scopo? E chi lo ha messo in orbita attorno a Marte ?

105 Total Views 1 Views Today
(Visited 1 times, 1 visits today)
Con le parole chiave , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati