Romania:risolto il mistero del disco volante individuato con Google Maps

Google Maps

A volte non è tutto oro quello che luccica. Ciò vuole significare che spesso possiamo interpretare erroneamente dei comuni oggetti per degli artefatti non di questo mondo. Questa spettacolare foto di un “UFO” parcheggiato in una radura boschiva in Romania ha affascinato per anni i cacciatori di alieni.
L’immagine in questione è tutt’ora in fase di discussione in tutto il mondo dopo che un noto cacciatore di alieni ha prodotto un video sostenendo che il disco volante è stato intenzionalmente abbandonato in quel luogo da esseri semi-immortali. Questa volta, per la gioia degli scettici, è stata fornita una spiegazione molto più terrena circa l’avvistamento dell’astronave aliena, tanto sostenuta dall’appassionato UFO Scott Waring.

Nel suo video , Waring afferma che per anni lo strano oggetto non ha fatto altro che stimolare la fervida fantasia dei sostenitori della vita extraterrestre dopo che è stato individuato accidentalmente attraverso alcune immagini satellitari offerte da Google Maps.”Perché qualcuno avrebbe dovuto nascondere un UFO per anni?” si è chiesto Scott Waring. “È evidente, che la maggior parte degli alieni possono vivere per centinaia di anni, se non migliaia.”
Purtroppo, la sua teoria è stata recentemente smentita da un articolo apparso sul The Mirror attraverso il quale si veniva a conoscenza che il disco volante non era altro che un edificio per il trattamento delle delle acque costruito nel secolo scorso. Basta dare un’occhiata qui e vedrete l’edificio in tutto il suo splendore.
Questa volta il caro Scott Waring si deve mettere l’anima in pace e accettare l’evidenza che prima di giungere ad affrettate conclusioni sarebbe opportuno valutare anche altre teorie molto più razionali.

172 Total Views 1 Views Today

I commenti sono chiusi.