Roswell secondo Nick Redfern; una spiegazione o solo disinformazione?

Nick Redfern
Nick Redfern
Sicuramente molti di voi avranno sentito parlare del famoso ufologo, scrittore e ricercatore Nicholas Redfern, che oltretutto gestisce l’interessante sito mysteriousuniverse.org attraverso il quale condivide le sue esperienze e conoscenze imperniate alla questione UFO, criptologia, complotti e altri misteri che la scienza ufficiale non riesce ancora a spiegare .
“Nick” Redfern è nato nel 1964 a Pelsall, nello Staffordshire (Inghilterra). Egli si interessò al fenomeno nel lontano 1978, dopo aver appreso che suo padre è stato coinvolto in un incidente UFO nel settembre 1952 mentre prestava servizio come controllore radar per conto della RAF.
In quell’occasione il padre di Nick rilevo’ degli oggetti volanti non identificati in rapido movimento sopra il Mare del Nord. Immediatamente dei ricognitori furono fatti decollare affinché intercettassero gli intrusi, ma tutto risulto’ invano. 
A tutte le persone coinvolte in questo incidente fu imposto l’obbligo del segreto visto che i testimoni erano vincolati dalla legge di allora che disciplinava i segreti ufficiali del governo britannico. Nel lontano mese di giugno 2005, Nick Redfern propose due principali teorie concorrenti che pretendevano di offrire una spiegazione dell’incidente di Roswell, escludendo clamorosamente lo schianto di un UFO:
– Nick Redfern ha escluso la prima teoria riconducibile al progetto “Mogul”, promossa dalla US Air Force , e dal 1994, accettata da alcuni autori di libri e dai media mainstream;
– La nuova teoria esposta da Nick Redfern, la si puo’ meglio apprezzare nel suo libro “Ultracorpi nel deserto”. 
Copertina di Nick Redfern 
Copertina Cosmic Crash 
In breve, alcuni informatori e voci confidenziali hanno riferito a Nick che, dietro la “leggenda” dello schianto UFO a Roswell, si nascondeva una vera storia di terribili esperimenti condotti dai giapponesi su alcuni prigionieri sofferenti di disabilità talmente orribili che dovevano essere nascoste a tutti i costi.
Questa nuova storia, per quanto strana possa sembrare, dovrebbe richiedere un attento esame, considerata la reputazione dell’autore del libro che ha scritto diversi buoni libri sugli UFO, uno dei quali “Crash Cosmic” pubblicato nel 1999 . 
Egli è anche l’autore di molti articoli e conferenze.
In via preliminare risulta evidene che entrambe le teorie non possono essere verificate per cui è evidente che una delle due deve essere falsa! 
Non è sorprendente che uno dei principali promotori della spiegazione “Mogul“, Karl Pflock, fosse fortemente in disaccordo con le teorie di Nick il quale sfogo’ le sue convinzioni in una lettera aperta dal titolo “Attack of the Mutant mongoloide” attraverso la quale ha voluto replicare in modo sarcastico a quanto esposto da Nick Redfern. 
A questo punto c’è da chiedersi se le due teorie sono completamente false e che, di conseguenza, l’UFO precipitato vicino a Roswell nel 1947, non è mai esistito.
di Gildas Bourdais

29 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati