Siamo veramente pronti per un prossimo contatto extraterretre?

KIC 8462852--
Il primo passo che dovranno fare i ricercatori dopo aver ottenuto la conferma dell’emissione di un segnale, sia attraverso la propagazione via radio,microonde o una trasmissione ottica, sarà quello di analizzarlo in modo dettagliato per determinare se esso è modulato in modo da poter avere la conferma del tentativo di comunicare con noi da parte di una lontana civiltà avanzata .
Date le dimensioni apparenti degli oggetti orbitanti intorno alla stella KIC 8462852, non sarebbe sorprendente intercettare una dispersione energetica rilevabile attraverso delle emissioni luminose.Diversi sono i modi per modulare un segnale in grado di trasmettere delle informazioni.
Gli astronomi stanno studiando attentamente questi segnali per determinare se questi vengono modulati in ampiezza, frequenza, polarizzazione e stabilire la durata dell’impulso luminoso. 
Se il segnale è effettivamente un tentativo intenzionale di comunicare con noi, allora questo metodo di comunicazione dovrebbe essere relativamente facile da individuare tramite le analisi statistiche in modo da escludere la casualità dell’emissione . Fondamentalmente potremmo ottenere tre possibili esiti, qualora venisse rilevato un segnale artificiale: 
1) non è un vettore di comunicazione, ma piuttosto la fuoriuscita di radiazioni, nel caso che non si rilevi alcuna modulazione apparente attraverso la quali estrarre informazioni-
2) è una comunicazione portante, ma risulta essere criptata o codificata in modo complesso. Nel caso in cui lo schema della modulazione si manifesti in modo evidente allora non è escluso che tutti i dati incorporati potranno apparire a caso.
3) è un tentativo intenzionale di avviare la comunicazione con un ricevitore casuale dislocato da qualche parte nell’universo .
Fonte di riferimento:Brian McConnell
21 Total Views 1 Views Today
Con le parole chiave , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati