Uova aliene in un lago ghiacciato dell’Utah

Due amici dell’Utah si sono imbattuti accidentalmente con un misterioso cerchio di ghiaccio nel cui interno vi erano degli oggetti simili a uova. Il peculiare fenomeno, che è stato trovato dagli adolescenti nel bel mezzo di un lago ghiacciato, è costituito da una formazione circolare caratterizzata da strani cristalli bianchi che sembrano sfidare ogni spiegazione logica. Continue reading

Uova aliene in un lago ghiacciato dell’Utah

Due amici dell’Utah si sono imbattuti accidentalmente con un misterioso cerchio di ghiaccio nel cui interno vi erano degli oggetti simili a uova. Il peculiare fenomeno, che è stato trovato dagli adolescenti nel bel mezzo di un lago ghiacciato, è costituito da una formazione circolare caratterizzata da strani cristalli bianchi che sembrano sfidare ogni spiegazione logica.

Nel video pubblicato in rete i due giovani vengono ripresi mentre frugano e indicano gli oggetti riferendosi a loro in modo scherzoso come delle uova aliene per via della loro composizione viscida .
Il filmato è diventato molto popolare su YouTube dove gli utenti di Internet offrono variegate spiegazioni che vanno da una pozzanghera congelata di vernice a un cratere da impatto provocato da un meteorite.
Alcuni hanno anche suggerito che potrebbe trattarsi di una sorta di campagna di marketing virale.Finora, tuttavia, non è stata trovata alcuna spiegazione definitiva del bizzarro fenomeno che probabilmente potrebbe essere di origine naturale .
Fonte di riferimento:iflscience.com

Le impressionanti formazioni geometriche disegnate sulla neve da Simon Beck

Simon BeckImage credit: Simon Beck
Questa volta l’intervento alieno non c’entra nulla visto che queste enormi formazioni geometriche sono state sapientemente disegnate sulla neve fresca dall’artista Simon Beck in modo che gli spettacolari disegni potessero rendersi visibili solo dall’alto.

I vari modelli sono costituiti da complesse forme geometriche, draghi, stelle e molto più’ spesso da fiocchi di neve. 
Simon Beck, e’ uno dei più grandi artisti nel mondo della Snow Art.
I disegni di Beck vengono creati tramite una bussola, una corda e un nastro di misurazione preferibilmente la mattina presto e la sera tarda, quando la neve è molto più compatta. La Snow Art è nata nel lontano dicembre del 2004, quando, dopo una giornata di sci, Simon Beck ha avuto l’idea di disegnare una stella sulla superficie ghiacciata di un piccolo lago. 
Il suo senso per l’orientamento in combinazione con la sua passione per le attività all’aria aperta e fisiche gli hanno fornito l’ispirazione per la creazione di queste spettacolari opere d’arte. Durante la sua infanzia, Simon Beck ha sempre mostrato una certa predisposizione per le complesse forme geometriche. 
Quest’ultimo disegno geometrico è  stato ispirato dal famoso fiocco di neve di Koch che nel corso del tempo è diventato sempre più complesso. 
In genere i disegni di Beck coprono una superficie che va da 1 a 4 ettari (che corrisponde da 2 a 8 campi da calcio) i quali richiedono fino a 12 ore di lavoro la loro realizzazione finale.  
Inoltre, per completare i cerchi esterni, Beck è costretto a camminare con le sue ciaspole percorrendo un tragitto di 20-30 km. Quindi, le sue creazioni sono il risultato delle sue prestazioni artistiche e soprattutto atletiche che nonostante le difficili condizioni climatiche riesce tuttavia a creare delle vere e proprie opere d’arte dalle forme più diverse e impegnative.
Fonte di riferimento:messagetoeagle.com

Le impressionanti formazioni geometriche disegnate sulla neve da Simon Beck

Simon BeckImage credit: Simon Beck
Questa volta l’intervento alieno non c’entra nulla visto che queste enormi formazioni geometriche sono state sapientemente disegnate sulla neve fresca dall’artista Simon Beck in modo che gli spettacolari disegni potessero rendersi visibili solo dall’alto.

I vari modelli sono costituiti da complesse forme geometriche, draghi, stelle e molto più’ spesso da fiocchi di neve. 
Simon Beck, e’ uno dei più grandi artisti nel mondo della Snow Art.
I disegni di Beck vengono creati tramite una bussola, una corda e un nastro di misurazione preferibilmente la mattina presto e la sera tarda, quando la neve è molto più compatta. La Snow Art è nata nel lontano dicembre del 2004, quando, dopo una giornata di sci, Simon Beck ha avuto l’idea di disegnare una stella sulla superficie ghiacciata di un piccolo lago. 
Il suo senso per l’orientamento in combinazione con la sua passione per le attività all’aria aperta e fisiche gli hanno fornito l’ispirazione per la creazione di queste spettacolari opere d’arte. Durante la sua infanzia, Simon Beck ha sempre mostrato una certa predisposizione per le complesse forme geometriche. 
Quest’ultimo disegno geometrico è  stato ispirato dal famoso fiocco di neve di Koch che nel corso del tempo è diventato sempre più complesso. 
In genere i disegni di Beck coprono una superficie che va da 1 a 4 ettari (che corrisponde da 2 a 8 campi da calcio) i quali richiedono fino a 12 ore di lavoro la loro realizzazione finale.  
Inoltre, per completare i cerchi esterni, Beck è costretto a camminare con le sue ciaspole percorrendo un tragitto di 20-30 km. Quindi, le sue creazioni sono il risultato delle sue prestazioni artistiche e soprattutto atletiche che nonostante le difficili condizioni climatiche riesce tuttavia a creare delle vere e proprie opere d’arte dalle forme più diverse e impegnative.
Fonte di riferimento:messagetoeagle.com

La comparsa di un Crop Circles in un campo di Santa Fe, Argentina

Crop Circles en un campo de Santa Fe
Molti sono convinti che i complessi pittogrammi osservati spesso in estate all’interno di campi coltivati siano da attribuirsi all’energia psicocinetica emessa dalla mente collettiva in collaborazione con le forze naturali e i processi della terra e il cosmo.
Questo fenomeno è stato osservato anche da molte tribù di nativi americani che nei loro racconti riportarono la comparsa nelle vaste distese erbose di strani cerchi i quali sembravano riflettere i loro simboli e l’adempimento delle loro profezie. A riferire la comparsa di un fenomeno simile è il sito web VISION OVNI, il quale riporta la comparsa di un pittogramma circolare composto da due cerchi, uno esterno di 50 metri di diametro e uno più piccolo nel suo interno dal diametro di circa 30 metri .  L’evento che è stato segnalato lo scorso 7 novembre si è manifestato a circa 1000 metri dalla casa della signora Gloria Pinatti che abita nella città di Malabrigo, Provincia di Santa Fe.
I residenti locali, particolarmente sorpresi dall’insolito fenomeno, hanno subito ipotizzato un intervento extraterrestre. Poco più di un anno fa, altri segni circolari sono stati scoperti in un campo a circa 8 chilometri dalla città.
Il fenomeno si è ora ripetuto in un campo di grano a pochi metri dal centro abitato di Malabrigo. Ovviamente il fenomeno ha subito attirato l’attenzione dei ricercatori e soprattutto dei curiosi che si sono riversati in massa all’interno del campo nel tentativo di interpretare e spiegare il messaggio contenuto nel pittogramma.
© Fonte Video:Circles Channel

La comparsa di un Crop Circles in un campo di Santa Fe, Argentina

Crop Circles en un campo de Santa Fe
Molti sono convinti che i complessi pittogrammi osservati spesso in estate all’interno di campi coltivati siano da attribuirsi all’energia psicocinetica emessa dalla mente collettiva in collaborazione con le forze naturali e i processi della terra e il cosmo.
Questo fenomeno è stato osservato anche da molte tribù di nativi americani che nei loro racconti riportarono la comparsa nelle vaste distese erbose di strani cerchi i quali sembravano riflettere i loro simboli e l’adempimento delle loro profezie. A riferire la comparsa di un fenomeno simile è il sito web VISION OVNI, il quale riporta la comparsa di un pittogramma circolare composto da due cerchi, uno esterno di 50 metri di diametro e uno più piccolo nel suo interno dal diametro di circa 30 metri .  L’evento che è stato segnalato lo scorso 7 novembre si è manifestato a circa 1000 metri dalla casa della signora Gloria Pinatti che abita nella città di Malabrigo, Provincia di Santa Fe.
I residenti locali, particolarmente sorpresi dall’insolito fenomeno, hanno subito ipotizzato un intervento extraterrestre. Poco più di un anno fa, altri segni circolari sono stati scoperti in un campo a circa 8 chilometri dalla città.
Il fenomeno si è ora ripetuto in un campo di grano a pochi metri dal centro abitato di Malabrigo. Ovviamente il fenomeno ha subito attirato l’attenzione dei ricercatori e soprattutto dei curiosi che si sono riversati in massa all’interno del campo nel tentativo di interpretare e spiegare il messaggio contenuto nel pittogramma.
© Fonte Video:Circles Channel

Misterioso cratere si apre in un lago dell’Utah

cratere   lago Utah
Inizialmente si era parlato di un’opera aliena. Poi si è optato per la teoria dello schianto di un meteorite fino all’eruzione vulcanica. Tutte queste ipotesi non hanno fatto altro che infittire il mistero sul foro creatosi inspiegabilmente sul fondale di un piccolo lago dell’Utah, Stati Uniti.

Il misterioso cratere è stato scoperto il mese scorso a Circleville in Utah la cui origine risulta ancora sconosciuta.

Ora i geologi ritengono che la spiegazione è molto più semplice di quanto ci si potrebbe aspettare. 
Secondo loro, il foro si sarebbe formato a seguito di un fenomeno generato dal cedimento del fondale particolarmente instabile per via dei frequenti riempimenti del lago artificiale, provocando in questo modo una piccola eruzione in superficie.
Il foro è caratterizzato da una serie dI cerchi concentrici formatisi appena sotto la superficie dell’acqua il cui diametro del cerchio più grande misura circa sette metri. 
Il cerchio esterno è in realtà una depressione ricoperta di alghe mentre quello interno, ricorda la forma di alcuni crateri vulcanici. I geologi sono stati in grado di misurare la serie di cerchi sommersi: la depressione centrale (quella più piccola) misura circa 17,8 centimetri. 
Per stabilire lo spessore delle depressioni i ricercatori hanno inserito una sonda metallica di 33 cm direttamente al centro del cratere.  Qualcosa di molto complesso ha creato questo insolito foro che successivamè e’ collassato su se stesso, per via dei frequenti riempimenti e drenaggio del lago“, ha affermato uno dei ricercatori. 
La teoria del terreno retrattile
Gli esperti hanno proposto la teoria del terreno retrattile perché il lago è stato prosciugato e riempito una dozzina di volte nell’arco di due anni.  Così facendo, la ripetuta aggiunta di peso nel lago ha determinato il collasso di una parte del fondale creando una piccola eruzione .
Il cratere potrebbe ricordare quelli creati su terreni sabbiosi da alcuni insetti il cui meccanismo dovrebbe essere lo stesso. 
Quando il fondale ha ceduto perdendo la sua compattezza una notevole quantita’ di acqua e limo lacustre e’ stata spinta verso l’alto , creando questa curiosa viragine. Fenomeni di questo tipo si verificano molto raramente“, ha affermato il ricercatore.
Anche se questo fenomeno non è mai stato osservato sotto l’acqua, la spiegazione più plausibile è quella esposta dallo studioso per cui la sua teoria risulta essere quella piu affidabile. 
Nonostante ciò, ancora molte domande rimangono senza risposta“, ha concluso Bill Lund, l’esperto che ha studiato lo strano fenomeno.
Fonte di riferimento:wikistrike

Misterioso cratere si apre in un lago dell’Utah

cratere   lago Utah
Inizialmente si era parlato di un’opera aliena. Poi si è optato per la teoria dello schianto di un meteorite fino all’eruzione vulcanica. Tutte queste ipotesi non hanno fatto altro che infittire il mistero sul foro creatosi inspiegabilmente sul fondale di un piccolo lago dell’Utah, Stati Uniti.

Il misterioso cratere è stato scoperto il mese scorso a Circleville in Utah la cui origine risulta ancora sconosciuta.

Ora i geologi ritengono che la spiegazione è molto più semplice di quanto ci si potrebbe aspettare. 
Secondo loro, il foro si sarebbe formato a seguito di un fenomeno generato dal cedimento del fondale particolarmente instabile per via dei frequenti riempimenti del lago artificiale, provocando in questo modo una piccola eruzione in superficie.
Il foro è caratterizzato da una serie dI cerchi concentrici formatisi appena sotto la superficie dell’acqua il cui diametro del cerchio più grande misura circa sette metri. 
Il cerchio esterno è in realtà una depressione ricoperta di alghe mentre quello interno, ricorda la forma di alcuni crateri vulcanici. I geologi sono stati in grado di misurare la serie di cerchi sommersi: la depressione centrale (quella più piccola) misura circa 17,8 centimetri. 
Per stabilire lo spessore delle depressioni i ricercatori hanno inserito una sonda metallica di 33 cm direttamente al centro del cratere.  “Qualcosa di molto complesso ha creato questo insolito foro che successivamè e’ collassato su se stesso, per via dei frequenti riempimenti e drenaggio del lago“, ha affermato uno dei ricercatori. 
La teoria del terreno retrattile
Gli esperti hanno proposto la teoria del terreno retrattile perché il lago è stato prosciugato e riempito una dozzina di volte nell’arco di due anni.  Così facendo, la ripetuta aggiunta di peso nel lago ha determinato il collasso di una parte del fondale creando una piccola eruzione .
Il cratere potrebbe ricordare quelli creati su terreni sabbiosi da alcuni insetti il cui meccanismo dovrebbe essere lo stesso. 
Quando il fondale ha ceduto perdendo la sua compattezza una notevole quantita’ di acqua e limo lacustre e’ stata spinta verso l’alto , creando questa curiosa viragine. Fenomeni di questo tipo si verificano molto raramente“, ha affermato il ricercatore.
Anche se questo fenomeno non è mai stato osservato sotto l’acqua, la spiegazione più plausibile è quella esposta dallo studioso per cui la sua teoria risulta essere quella piu affidabile. 
Nonostante ciò, ancora molte domande rimangono senza risposta“, ha concluso Bill Lund, l’esperto che ha studiato lo strano fenomeno.
Fonte di riferimento:wikistrike

EX ingegnere RAF pagato per creare falsi cerchi nel grano e screditare la ricerca UFO

David Clayton,
© source  image:express.co.uk
Da oltre 60 anni il fenomeno è diventato particolarmente complesso e diversificato. I famigerati e controversi Crop Circle sono stati segnalati avere le dimensioni di un centinaio di metri di diametro e forme geometriche particolarmente elaborate tipiche di quelle che si potrebbero ottenere tramite complesse elaborazioni computerizzate attraverso progetti 3D e disegni frattali .
Molti attribuiscono la loro origine alla tecnologia HPM (High Potenza Microonde) utilizzata dai militari per la distruzione di apparecchiature elettroniche nemiche. 
Un’altra versione ci viene fornita da George Tenence Meaden, un ex professore di fisica, il quale ritiene che i Crop Circle potrebbero essere generati da un particolare fenomeno conosciuto come “vortice di plasma”, che egli ritiene essere “una fitta massa d’aria che ha accumulato una porzione significativa della materia elettricamente carica.” 
Secondo Meaden, l’effetto è simile a quello del fulmine globulare, ma più grande e più duraturo.
Alcuni hanno anche suggerito che i che cerchi sono il risultato di esperimenti militari top secret facendo notare che potrebbe essere possibile proiettare un fascio di microonde ad alta intensità da una notevole distanza le cui scariche di energia sono sufficienti per vaporizzare l’acqua presente nelle piante determinandone il collasso.
Ad infittire il mistero ci si mette anche un EX ingegnere della RAF che ha clamorosamente affermato di essere stato pagato dal M15 per creare falsi cerchi nel grano e screditare gli avvistamenti UFO genuini come parte di un progetto “Men in Black” il cui scopo era quello di distorcere e occultare l’autenticità del fenomeno. 
David Clayton, che è un esperto di cerchi nel grano e mutilazioni di animali ha dichiarato durante l’annuale conferenza internazionale organizzata da UFO Magazine che la verità si potrebbe nascondere dietro a un sinistro complotto pianificato da oscure Agenzie affinché la verità venisse tenuta nascosta.
Cayton ha aggiunto che i cerchi nel grano apparsi nel 1980, non avrebbero potuto essere opera di burloni, e, pertanto, la loro origine deve essere attribuita a un intervento esterno, perché le piante all’interno dei cerchio non erano state rase al suolo con la forza fisica, ma da un forte calore.
Molti sostenitori UFO affermano che alcuni cerchi nel grano sono ciò che resta dopo il volo o l’atterraggio di dispositivi volanti non identificati.  Clayton ha ammesso che la maggior parte dei cerchi nel grano che erano stati evidenziati dal 1990 erano falsi, anche se tra questi figuravavano alcune formazioni apparentemente genuine .
Egli ha sostenuto che le agenzie di intelligence britanniche erano responsabili della creazione della maggior parte dei falsi cerchi nel grano il cui intento mirava a ridicolizzare il fenomeno in moto da essere attribuito all’opera dell’uomo e non a un intervento extraterrestre.

Fonte di riferimento: express.co.uk

EX ingegnere RAF pagato per creare falsi cerchi nel grano e screditare la ricerca UFO

David Clayton,
© source  image:express.co.uk
Da oltre 60 anni il fenomeno è diventato particolarmente complesso e diversificato. I famigerati e controversi Crop Circle sono stati segnalati avere le dimensioni di un centinaio di metri di diametro e forme geometriche particolarmente elaborate tipiche di quelle che si potrebbero ottenere tramite complesse elaborazioni computerizzate attraverso progetti 3D e disegni frattali .
Molti attribuiscono la loro origine alla tecnologia HPM (High Potenza Microonde) utilizzata dai militari per la distruzione di apparecchiature elettroniche nemiche. 
Un’altra versione ci viene fornita da George Tenence Meaden, un ex professore di fisica, il quale ritiene che i Crop Circle potrebbero essere generati da un particolare fenomeno conosciuto come “vortice di plasma”, che egli ritiene essere “una fitta massa d’aria che ha accumulato una porzione significativa della materia elettricamente carica.” 
Secondo Meaden, l’effetto è simile a quello del fulmine globulare, ma più grande e più duraturo.
Alcuni hanno anche suggerito che i che cerchi sono il risultato di esperimenti militari top secret facendo notare che potrebbe essere possibile proiettare un fascio di microonde ad alta intensità da una notevole distanza le cui scariche di energia sono sufficienti per vaporizzare l’acqua presente nelle piante determinandone il collasso.
Ad infittire il mistero ci si mette anche un EX ingegnere della RAF che ha clamorosamente affermato di essere stato pagato dal M15 per creare falsi cerchi nel grano e screditare gli avvistamenti UFO genuini come parte di un progetto “Men in Black” il cui scopo era quello di distorcere e occultare l’autenticità del fenomeno. 
David Clayton, che è un esperto di cerchi nel grano e mutilazioni di animali ha dichiarato durante l’annuale conferenza internazionale organizzata da UFO Magazine che la verità si potrebbe nascondere dietro a un sinistro complotto pianificato da oscure Agenzie affinché la verità venisse tenuta nascosta.
Cayton ha aggiunto che i cerchi nel grano apparsi nel 1980, non avrebbero potuto essere opera di burloni, e, pertanto, la loro origine deve essere attribuita a un intervento esterno, perché le piante all’interno dei cerchio non erano state rase al suolo con la forza fisica, ma da un forte calore.
Molti sostenitori UFO affermano che alcuni cerchi nel grano sono ciò che resta dopo il volo o l’atterraggio di dispositivi volanti non identificati.  Clayton ha ammesso che la maggior parte dei cerchi nel grano che erano stati evidenziati dal 1990 erano falsi, anche se tra questi figuravavano alcune formazioni apparentemente genuine .
Egli ha sostenuto che le agenzie di intelligence britanniche erano responsabili della creazione della maggior parte dei falsi cerchi nel grano il cui intento mirava a ridicolizzare il fenomeno in moto da essere attribuito all’opera dell’uomo e non a un intervento extraterrestre.

Fonte di riferimento: express.co.uk